LA YERBA MATE: proprietà e benefici

Yerba Mate: La leggenda narra come una tribù di Indios, stremata dalla carestia, decise di abbandonare il loro accampamento in cerca di luoghi più fertili. Solo un anziano indio, troppo stanco per mettersi in viaggio, decise di rimanere insieme alla figlia, la bella Yarii, nella selva.
Una sera si presentò loro uno straniero che altro non era che un inviato del Dio del Bene, il quale volle, in cambio della generosa ospitalità offertagli, lasciare qualcosa per alleviare le loro ore di solitudine. Per questo fece germogliare nella selva una nuova pianta, nominando Yarii sua Dea protettrice, insegnando loro a seccare i suoi rami sul fuoco e a preparare lo squisito infuso attirando in quei luoghi molte persone a berne Da allora il Matè divenne il simbolo della cordialità e benevolenza verso gli ospiti, costituendo tutt’ora la bevanda nazionale dell’Argentina.
I conquistatori spagnoli ne appresero l’uso dagli stessi indios che la masticavano o la bevevano succhiandola tramite il la “bombillas”; speciali cannucce forate alle estremità. Furono poi i Gesuiti del Paraguay ad iniziare le coltivazioni continuando, dopo alterne vicende, fino al 1911 anno in cui le piantagioni si estesero su larga scala sotto le direttive del governo argentino.
Per le preparazioni vengono utilizzate le foglie di Ilex paraguayensis e di altre specie del genere Ilex, arbusti appartenenti alla famiglia delle Aquifogliaceae che crescono nelle zone tropicali e subtropicali dell’America Meridionale. La droga, rappresentata dalle foglie lanceolate, di colore verde intenso, pennatinervie a margine crenato, prima di essere utilizzate devono subire una particolare lavorazione che deve avvenire entro le 24 ore dalla raccolta al fine di evirate la fermentazione, consistente una prima fae di esposizione diretta sul fuoco seguita da una processo essicazione o leggera torrefazione, infine un processo di triturazione.
COMPONENTI
Zuccheri totali:    7,4 – 11,35 %
Saccarosio:    3,6 – 6,9%
Zuccheri riduttori:    1,8% – 4,5%
Caffeina:    0,97 – 1,79%
Azoto:    1,85 – 2,60%
Inoltre vitamine quali la A, B1 e B2, C e tracce di Ferro, Fosforo e Calcio
I benefici effetti dell’erba Mate sono conosciuti ad oltre tre secoli e confermati i dagli numerosi studi effettuati da molte ricercatori tra cui il Dr. Pedro Escudero, direttore dell’Istituto municipale della Nutrizione di Buenos Aires, ha
Dimostrato come le foglie di Mate contengono vitamina C  oscillante fra i 15 e i 31 mg per ogni 100 gr di sostanza.
Il Dr  R. N Doublet dichiara “il Matè è un regolatore cardiaco, nervino e muscolare: presiede tutte le attività intellettuali e muscolari. Nel caso di una insufficiente alimentazione ne ristabilisce l’equilibrio impedendo il decadimento organico. Per l’alto contenuto in minerali e vitamine può essere consigliato come ricostituente dinamizzante sopra organi affaticati, specie i muscolari.
Enrico Santos, in un articolo pubblicato su “O Jornal” di Rio de Janeiro – esaminando chimicamente il Matè, si riscontra una composizione chimica simile ad altri alimenti a potenzialità stimolanti.
Il Matè ha notevoli influenze sull’apparato circolatorio e sul tubo digerente la cui attività nutrizionale è molto importante, non solo per le resine e materiali albuminosi contenuti facilmente assimilabili, ma perché in grado di integrarsi con lì organismo permettendoli di sopportare lievi digiuni. Le proprietà dell’erba Mate lo rendono un alimento stimolante delle funzioni organiche e intellettive.
USO
Per tazza di acqua. Quando comincia a scaldarsi, aggiungere un cucchiaio di Mate per tazza e lasciare bollire per due minuti, spengere e aggiungere un poco di acqua fredda: passare l’infusione attraverso un colino, Zuccherare e servire.
Ottimo è anche servito con latte, specie per i bambini e, in estate, servito freddo con ghiaccio.
Dall’archivio del Dott. Simone Iozzi erborista in Firenze
Condividi: