Akrux: il grano del senatore Cappelli

Mi hanno parlato del grano Akrux, che caratteristiche ha e perchè è consigliato in caso di intolleranza al frumento?

La riscoperta dei grani antichi nell’alimentazione di oggi

Cerere (in latino: Ceres e in osco: Kerri o Kerres o Kerria) era una divinità materna della terra e della fertilità, nume tutelare dei raccolti, ma anche dea della nascita, poiché tutti i fiori, la frutta e gli esseri viventi erano ritenuti suoi doni, tant’è che si pensava avesse insegnato agli uomini la coltivazione dei campi. Per questo veniva solitamente rappresentata come una matrona severa e maestosa, nonché bella e affabile, con una corona di spighe sul capo, una fiaccola in una mano e un canestro ricolmo di grano e di frutta nell’altra.

Il grano Senatore Cappelli Akrux® è una varietà di frumento duro creata a Foggia nel 1915: definito negli anni 30 “razza eletta”, é un grano duro rustico che predilige i terreni poveri e argillosi. Detiene eccellenti qualità nutrizionali e un alto valore proteico; in Puglia tali caratteristiche gli hanno valso l’appellativo di “ carne dei poveri”.

Circa 5 milioni di anni fà, luomo si nutriva principalmente di carne o pesce che si procurava con la caccia. Con la successiva scoperta dell’agricoltura e della pastorizia cominciò a consumare i cereali, frutta e ortaggi.

Da allora a oggi il nostro codice genetico è praticamente il medesimo, ma l’alimentazione completamente diversa.

Ciò ha comportato molte conseguenze per la nostra salute come il sopraggiungere di malattie nuove dalla carie dei denti alle gastriti, tumori all’apparato digerente e respiratorio, obesità e le cosi dette malattie del benessere.

Un tempo l’uomo viveva in armonia con la natura consumando i vari cibi naturali adeguandoli ai propri fabbisogni energetici con il solo obiettivo di sfamarsi, oggi sappiamo tutti ciò che accade con il consumo di cibo industriale.

Per vivere in buona salute abbisogniamo dei 3 macronutrienti principali che sono i carboidrati, le proteine ed i grassi e una piccola percentuale di micronutrienti come le vitamine e gli oligoelementi.

I carboidrati si suddividono in carboidrati complessi come i cereali (grano, riso, farro, avena, miglio,ecc) e semplici (zuccheri e fruttosio della frutta includendo dunque anche la frutta).

Le proteine sono presenti in carni, pesce, uova, latte e latticini e parzialmente in legumi.

I grassi si suddividono in saturi(grassi animali) e insaturi (olio extravergine d’oliva e frutta secca oleosa come noci, nocciole, mandorle,ecc).

Senza andare troppo indietro nel tempo pensiamo solo agli anni ’30, nei campi crescevano spontaneamente più varietà di frutta (per intenderci una mela Renetta si presentava in una ventina di varietà, oggi ce n’è solo una!), verdura e cereali idem, con l’avvento della grande industrializzazione e i prodotti Ogm è andato perduto questo straordinario patrimonio genetico colturale contribuendo a minare la salute delle persone con prodotti di scarsa qualità e a basso valore nutrizionale.

I cereali consumati oggi hanno bassi valori nutritivi e sono molto diversi dai cereali antichi.

Recentemente però si è riscoperta la varietà Senatore Cappelli (il nome commerciale è Akrux® per intenderci) che è uno dei ceppi autoctoni italiani.

akruxOggi il marchio Akrux® identifica il grano duro Cappelli. Akrux® è sinonimo di garanzia della qualità e purezza di questo grano, tramite un disciplinare di produzione ne controlla l’intera filiera biologica.

Il frumento Cappelli è un grano che ha caratteristiche particolari.

Molto difficile da coltivare, permette di ottenere dalla sua macinazione semole caratterizzate da notevoli proprietà tecnologiche e nutrizionali che consentono di ottenere una pasta dal tipico colore giallo ambra e molto resistente alla cottura grazie alla qualità e quantità delle proteine contenute.

La bassa resa e la difficile coltivazione sono stati i limiti che, negli anni ’70, ne hanno causato la sostituzione con la varietà ”Creso”, ottenuta attraverso una sua modificazione genetica.

Proprio i limiti sopra citati che ne hanno, in passato, causato il declino oggi ne stanno proponendo la reintroduzione in alcune regioni italiane. Infatti, similmente a tutti i grani antichi, il grano “Senatore Cappelli”, con la sua altezza e il suo apparato radicale sviluppato, soffoca le malerbe, ha una buona tolleranza nei confronti di agenti infettanti e quindi consente di limitare il ricorso ai diserbanti e ad altre sostanze di sintesi chimica.

Oggi la quasi totalità dei grani duri prodotti nel mondo, sia da coltivazioni bio che convenzionali, sono ottenuti da varietà che hanno subito mutazioni genetiche. Il grano duro Cappelli Akrux® è un’antica varietà di grano duro conservato in purezza che non ha mai subito mutazioni genetiche indotte o incroci con altri grani duri modificati geneticamente. Se a questo si aggiunge l’elevato contenuto in proteine, rispetto alle altre varietà di grano duro, la varietà Cappelli risulta quindi essere particolarmente idonea ad un impiego nelle coltivazioni biologiche.

 

Perché scegliere il Cappelli Akrux®?

1 – Per le sue caratteristiche nutrizionali

  • alta percentuale di proteine
  • ottimo contenuto di fibre elevata quantità di zinco
  • fonte di calcio, selenio e magnesio
  • bassissima percentuale di sodio (praticamente senza sale)
  • colesterolo assente
  • poche calorie
  • pochi grassi
  • gusto gradevole e corposo

2 – Per le sue garanzie di alta qualità

  • origine italiana – Km zero
  • marchio registrato
  • nessun incrocio con grano Creso (maggiore responsabile della celiachia e intolleranze al grano), per cui buona tollerabilità
  • non OGM e non irradiato per mutazione genetica come il grano Creso
  • Akrux®, marchio tutelato da un disciplinare di produzione agraria, di macinazione e di utilizzo sia del grano che degli sfarinati da esso ottenuti
  • coltivazione con i metodi dell’agricoltura biologica: rotazioni colturali, sovesci di favino o di altre leguminose apportatrici di benefiche sostanze nutritive.

Fonte: http://www.akrux.it/

Zea consiglia
[products ids=”2292″ sku=””]

Condividi: