Stagioni e alimentazione

Il nutrizionista mi ha consigliato di mangiare frutta e verdura di stagione, ormai però nei supermercati purtroppo si trova tutto sempre durante l’anno, mi potete dare qualche indicazione per rispettare la stagionalità nell’alimentazione ?

Un calendario per seguire anche con l’alimentazione i ritmi stagionali che il nostro organismo richiederebbe.

Consumare frutta e verdura di stagione è la prima regola per garantire il benessere e l’armonia del corpo.

Gli ortaggi fuori stagione, coltivati in serra con luce e nutrimento artificiale, alterano il nostro delicato orologio biologico capace autonomamente di regolare il ritmo sonno-veglia e di conseguenza i ritmi circadiani. Ritmi indispensabili per mantenere l’equilibrio biochimico a partire dal sistema nervoso, ormonale e imminologico.

GENNAIO

Barbabietole, broccoli, carciofi, cardi, carote, catalogna, cavolfiori, cavoli, cappuccio, cavolini di bruxelles, cavolo verza, cicoria, cime di rapa, cipolle, finocchi, indivia, lattuga, patate, porri, radicchi rossi, rape, scorzonera, sedano, spinaci, topinambour, valeriana.

Arance, banane, cedri, datteri freschi, limoni, mandarini, kiwi, pompelmi.

Arance e limoni contengono molta vitamina C ma anche molti acidi organici, con azione disintossicante e sali minerali. Vanno mangiati con la buccia (ma devono essere biologici altrmenti insieme alla buccia mangiamo gli anticrittogamici con i quali è stata trattata la frutta), a fettine sottilissime conditi con olio e olive nere.

Il carciofo fa bene al fegato e combatte lo stress.

FEBBRAIO

Barbabietole, broccoli, cavolini di Bruxelles, carciofi, carote, cardi, cavolfiori, cavoli verza, cavoli cappuccio, cicoria, cime di rapa, coste, crescione, finocchi, indivia, lattuga, porri, radicchi, rape, sedano rapa, spinaci, topinambour, valeriana, zucca.

Ananas, arance, cedri, kiwi, limoni, mandarini, mele, nespole, nocciole, pompelmi.

La barbabietola rossa è u sedativo naturale del sistema nervoso. Contiene magnesio, vitamine del gruppo B e sali minerali. Va mangiata cruda perché solo così conserva intatte tutte le sue proprietà.

La frutta secca è ricca di grassi, proteine e sali minerali.

MARZO

Asparagi, broccoli, carciofi, carote, cavolfiori, cavoli, verza, cavolini di Bruxelles, cicoria, cime di rapa, cipollotti, cipolle, coste, crescione, finocchi, lattuga, patate, porri, rape, rosmarino, rucola, sedano, spinaci, valeriana.

Arance, banane, limoni, mele, pere.

La mela andrebbe mangiata con la buccia (sempre che sia biologica!) perchè è nella buccia che si trova la più alta concentrazione di vitamine. E’ inoltre digestiva, diuretica e disintossicante.

La carota contiene molto betacarotene che è il precursore della vitamina A, è utile quindi all’intestino e alla pelle. Non bisognerebbe togliere la buccia alle carote ma raschiarle con uno spazzolino.

APRILE

Asparagi, barba di frate, broccoli, carciofi, carote, cavolfiori, cavoli verza, cavoli cappuccio, cicoria, cime di rapa, cipolle, cipollotti, coste, finocchi, indivia, lattuga, patate novelle, pori, radicchi e ravanelli, rape, rucola, sedano, spinaci, valeriana.

Arance, banane, fragole, limoni, pompelmi.

La banana va mangiata molto matura altrimenti gli amidi di cui è ricca potrebbero risultare indigesti.

La erbe selvatiche come acetosella, malva, margheritina, tarasacco, violetta sono ricche di sali minerali e depurative. Vanno raccolte senza estirparne le radici, tagliandone solo le foglie, in luoghi lontani da strade e discariche e preparate in insalata.

MAGGIO

Asparagi, barbabietole, bietole, broccoli, carote, cavolfiori, cavoli verza, cavoli cappuccio, cicoria, cipolle, coste, crescione, erbette, fagioli, fagiolini, finocchi, fave, indivia, lattuga, patate, piselli, pomodori, porri, rape, rapanelli, sedano, spinaci, taccole, valeriana.

Arance ovali, banane, ciliegie, fragole, nespole.

Erbe selvatiche: borragine, crescione, malva, ortica, tarassaco.

I radicchi amari fanno bene al fegato, la lattuga, l’indivia e la cicoria sono disintossicanti e ricche di sali minerali.

GIUGNO

Aglio nuovo, asparagi, barbabietole, bietole, broccoli, carote, carciofi, cavolfiori, cavoli cappuccio, cetrioli, cicoria, cipolle, coste, erbette, fagiolini, fave, finocchi, fiori di zucca, indivia, lattuga, patate, peperoni, pomodori, piselli, rape, rapanelli, scalogni, sedano, spinaci, taccole, valerianella, zucchine.

Albicocche, amarene, banane, ciliegie, fragole, lamponi, more, mirtilli, nespole, pesche, prugne, ribes, uvaspina.

Gli spinaci sono antianemici. Contengono ferro e sali minerali. Meglio se mangiati crudi in insalata (come del resto tutte le verdure) con olio, sale e limone.

I frutti di bosco (lamponi, more, mirtilli, uvaspina, ribes) sono pieni di vitamine e sali minerali. Il ribes nero è, tra tutti i frutti di bosco, il più ricco di vitamina C. Il mirtillo fa molto bene alla vista.

LUGLIO

Aglio, barbabietole, bietole, carote, cavoli cappuccio, cetrioli, cicoria, cipolle, coste, fagiolini, fave, fiori di zucca, indivia, lattughe, melanzane, patate, peperoni, piselli, pomodori, porri, rape, rapanelli, rucola, scalogno, sedano, spinaci, taccole, valerianella, zucchine.

Albicocche, amarene, angurie, ciliegie, fichi, fragole, lamponi, mandorle, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, prugne, susine, ribes, uvaspina.

I fagiolini contengono proteine e sali minerali, sono tonici, diuretici e ricostituenti grazie al loro contenuto di carboidrati. Vanno cotti a vapore per mantenere intatto il loro valore nutritivo.

La pesca è uno dei frutti che più subisce, con le moderne tecniche agricole, un altissimo numero di trattamenti antiparassitari: è raccomandabile per questo mangiare pesche biologiche, bianche o gialle, ma piccole e sane.

AGOSTO

Barbabietole, bietole, carote, cavoli, cetrioli, cicoria, cipolle, coste, erbette, fagioli, fagiolini, fiori di zucca, indivia, lattuga, melanzane, patate, peperoni, piselli, pomodori, porri, rape, rapanelli, rucola, scalogno, sedano, spinaci, taccole, valeriana, zucche, zucchine.

Angurie, banane, fichi, fragole, lamponi, mele, meloni, mirtilli, more, pere, pesche, prugne, ribes, uva, uvaspina.

Il melone ha un valore calorico quasi nullo, con pochi sali minerali. Mangiato tra i pasti è diuretico e lassativo.

I pomodori sono ricchi di vitamine A, B, C e di sali minerali. Hanno un’elevata acidità, soprattutto se non sono maturi. Non bisogna mangiare i pomodori in inverno perché sono di serra e supertrattati.

SETTEMBRE

Barbabietole, bietole, broccoli, carote, cavoli cappuccio, cavoli verza, cetrioli, basilico, cicoria, cipolle, coste, erbette, fagioli, fagiolini, indivia, lattuga, melanzane, peperoni, piselli, pomodori, porri, radicchi rossi, rape, rapanelli, rucola, scalogno, sedano, sedano rapa, spinaci, valerianella, zucca, zucchine.

Banane, fichi, limoni, lamponi, mandorle, mele, melograni, meloni, more, pere, pesche, prugne, uva.

L’uva è ricca di sali minerali è disintossicante ed energetica.

OTTOBRE

Barbabietole, bietole, broccoli, carote, carciofi, cavolfiori, cavoli verza, cavoli cappuccio, cicorie, cipolle, coste, erbette, fagioli, finocchi, indivia, lattuga, melanzane, peperoni, porri, prezzemolo, radicchi, rucola, rape, rapanelli, scorzonera, sedano, sedano rapa, spinaci, zucca.

Ananas, banane, cachi, castagne, cotogne, limoni, mandorle, melograni, mele, nocciole, noci, pere, uva.

La zucca è ricca di vitamina A, come tutti i frutti e gli ortaggi color giallo-arancio (carote, albicocche) ed ha proprietà sedative.

Le castagne hanno una composizione simile al frumento. Sono ricche di amidi e vitamine del gruppo B e C (ne contiengono quanto il limone). Sono estremamente nutrienti e adatte a chi fa molto moto.

NOVEMBRE

Barbabietole, bietole, broccoli, carciofi, cavoli verza, cavoli cappuccio, cavolini di Bruxelles, carote, cardi, cicoria, coste, cipolle, erbette, fagioli, finocchi, indivie, lattuga, patate, porri, radicchi, rape, sedano, sedano rapa, spinaci, topinambour, zucche.

I kiwi sono una buona fonte di vitamina C (il contenuto è simile a quello delle arance).

La cipolla è un potente diuretico, ed è consigliata a chi ha problemi di ritenzione idrica, obesità, azotemia elevata. E’ anche un antisettico naturale.

DICEMBRE

Carote, cardi, cavolfiori, cavoli verza, cavoli cappuccio, cicoria, cime di rapa, coste, crescione, finocchi, indivie, lattuga, porri, radicchi, rape, sedano rapa, spinaci, topinambour, valeriana, zucche.

Ananas, arance, cedri, kiwi, limoni, mandarini, mele, nespole, nocciole, pompelmi.

Condividi: